Il nostro viaggio a Pompei e Ercolano – parte 1

0
413

Abbiamo sempre saputo che lavorare alla costruzione di una domus romana avrebbe richiesto molto lavoro di documentazione, ma lavorare dietro a una scrivania o chiusi nei propri studi e uffici non è sufficiente per un progetto che si nutre di relazioni con il passato. Avevamo bisogno di andare sul campo, di visitare i luoghi in cui è ancora possibile vedere l’arte e l’architettura di Roma antica. E così a fine febbraio il gruppo di lavoro responsabile di Domus Libertas ha visitato Pompei, Ercolano, e il Museo Archeologico di Napoli: un viaggio che era partito quasi come una gita e che si e trasformato presto in un’esplorazione accurata sotto la guida di Claudio, l’archeologo che segue il progetto.

Pompei non ha bisogno di aggettivi né di definizioni: la sola parola riporta alla mente immagini della bellezza di Roma antica e l’orrore della eruzione che l’ha cancellata in poche ore; Ercolano, pur avendone condiviso la fine, chissà perché arriva sempre in un secondo tempo; il Museo Archeologico di Napoli a sua volta conserva tesori unici troppo spesso sconosciuti al grande pubblico. Noi eravamo un gruppo eterogeneo, divisi tra chi aveva già visitato quei luoghi e chi li scopriva per la prima volta, ma tutti siamo rimasti ugualmente affascinati da quello che abbiamo visto e siamo tornati con un carico di informazioni, competenze e conferme che ci accompagneranno nel lavoro dei prossimi mesi. Ve ne parleremo in dettaglio nei prossimi aggiornamenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

9 − due =