Itinerari Archeo-ecologici: la Domus del Chirurgo

0
158
Domus del Chirurgo

Nella città di Ariminum i cittadini antichi trascorrevano i loro giorni impegnati negli affari quotidiani come noi adesso. Il passato aveva le sue particolarità, che ci vengono rivelate dagli scavi e monumenti ritrovati nella Rimini moderna. Una delle strutture architettoniche più significative scoperte in città è la Domus del Chirurgo.

La Domus del Chirurgo si trova in pieno centro a Rimini, ora ma non nel passato. Nel III secolo d.c., esattamente quando la domus era operativa e il chirurgo operava, questa parte della città era considerata la periferia, una zona residenziale di buon livello. Era vicina al mare, che ora si è allontanato di più di 100 metri per via dell’avanzamento della linea di costa.

In questa casa l’antico chirurgo accoglieva i suoi pazienti. Sembra che avesse molta richiesta, visti i numerosi attrezzi ritrovati negli scavi della Domus. La struttura della casa non era tipica perché disponeva dello studio medico e di cubicula destinati ai feriti gravi che dovevano rimanere sotto osservazione. Tutto ciò componeva una “taberna medica domestica”, come l’hanno chiamato gli storici.

Nella Domus del Chirurgo erano presenti più di 150 strumenti chirurgici e terapeutici. Tra tutti quegli strumenti ritrovati ce ne sono tanti di cui possiamo individuare facilmente lo scopo, perché sono rimasti quasi uguali fino ad oggi. Possiamo solo cercare di indovinare lo scopo degli altri.

Il chirurgo esercitava tutti i tipi di operazioni: cavava denti ma eseguiva anche operazioni molto complesse e amputazioni; secondo gli storici era  specializzato soprattutto in traumi militari.

Dalle confezioni di bronzo con incisioni e diversi mortai ritrovati possiamo dedurre che il chirurgo svolgeva anche la pratica farmaceutica, preparando i medicinali per i suoi pazienti. Per il momento la domus risulta il più grande reperto archeologico dell’impianto chirurgico dell’epoca romana. Questo ci permette di capire molto meglio come era organizzato il sistema sanitario di allora.

Fu possibile ottenere ritrovamenti così significativi grazie all’incendio della metà del terzo secolo. Quell’incendio distrusse l’edificio ma nello stesso tempo lo conservò per noi e per la storia. Si furono conservati i resti carbonizzati dei mobili, i pavimenti musivi ricoperti di cenere, oggetti quotidiani fusi dal calore.

I resti della Domus e le sue fondamenta si possono osservare in piazza Ferrari di Rimini nell’edificio vetrato, costruito per conservare con cura questo monumento per i visitatori e per la storia. Invece tutti i ritrovamenti sono osservabili e studiabili nel Museo della Città di Rimini.

Come arrivare: In Treno e a piedi

La Domus del Chirurgo si trova a Rimini in piazza Luigi Ferrari, a 700 metri dalla stazione FFSS.

Dalla Stazione FFSS di Rimini, procedi  in piazzale Cesare Battisti verso Via Michelangelo Tonti. Alla rotonda prendi la seconda uscita e prendi corso papa Giovanni XXIII. Dopo circa 400 metri, attraversata una rotonda, la Domus del Chirurgo è sulla sinistra.

[di Valeria Zadumina]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × 5 =