Opus Domus: strophium e subligar

0
2762
Strophium

Strophium e subligar

Gli antichi romani ci erano vicini in molti modi. Sotto la tunica, ad esempio, uomini e donne portavano una specie di perizoma di pelle o stoffa, il subligar, e le donne sostenevano il seno con una fascia di stoffa o pelle chiamata strophium. Esempi di subligar e strophium si trovano nel famoso mosaico della Villa Romana del Casale, dove ragazze fanno esercizi o giocano a palla indossando tali indumenti.

Materiali

I materiali che possono essere utilizzati sono la canapa, la juta, il lino, il bisso, la lana, il cotone, la seta. Cotone e seta erano prodotti di importazione, quindi molto costosi. Se decidiamo di creare la biancheria intima di un cittadino non molto abbiente o di uno schiavo di sicuro non potremo prenderli in considerazione.

La scelta della pelle per la biancheria intima, soprattutto se un morbido scamosciato, permette una comodità e libertà di movimento che ci sentiamo di caldeggiare. A maggior ragione se pensiamo che strophium e sublimar erano probabilmente utilizzati per fare esercizi in palestra.

Colori

I colori che possiamo prendere in considerazione se decidiamo per strophium e subligar in stoffa sono senz’altro l’écru (non il bianco candido, che era difficile e costoso da ottenere – e non aveva per i Romani il fascino che ha per noi oggi), e tutte le tinte ottenute con colori naturali (rosso, giallo, azzurro, verde, lilla, indaco, ocra ottenuti ad esempio con hennè, curcuma, zafferano, uva, sali di rame, mirtillo, sommaco, malva, fiordaliso, mallo di noce, ocra). Il porpora, derivato da un mollusco, era molto costoso ed utilizzato con parsimonia, il violetto meno costoso.

Strophium

Lo Strophium è una fascia di stoffa o pelle che contiene il seno. Gli antichi romani sembravano prediligere un seno piccolo, e la fascia di sicuro non lo esaltava. Permetteva però di muoversi e saltare senza fastidio: per giocare a palla o rincorrersi era senz’altro consigliato.

Come per i reggiseni moderni, altezza e lunghezza dello strophium sono legate alle proprie misure: occorre che la fascia sia un paio di dita più alta del seno, e lunga almeno due volte la propria circonferenza del torace. Si  indossa come da figura.

Subligar

Il subligar è una specie di perizoma. Si parte da una pezza triangolare che sia larga almeno come la propria circonferenza dei fianchi (se si aggiungono due cordini ai lati) oppure abbastanza larga da poterla annodare in vita.

Il pezzo sotto del triangolo viene passato fra le gambe e fissato dentro il nodo che lega in vita il subligar. Il disegno sotto potrebbe chiarire la dinamica meglio delle parole.

Il risultato finale sarà elegante e confortevole. Almeno per gli standard di 2000 anni fa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − 5 =