Finis transmissioni Latinae imminebat

0
456
Finis transmissioni Latinae imminebat
Logo Nuntii Latini

In novembre 2017 il canale finlandese YLE aveva comunicato che l’unico programma di notizie in lingua latina nel mondo, Nuntii Latini, attivo dal 1989, avrebbe cessato le trasmissioni con la fine di dicembre 2017.

Da quel momento molte voci di amanti della lingua latina si erano levate contro la decisione. C’è stata una campagna di mail spontanea su adressit.com a cui hanno partecipato 3313 persone da tutto il mondo. Le richieste di proseguire la trasmissione sono arrivate da trentatre paesi europei, ma anche da diciassette paesi extraeuropei, compresi Stati Uniti d’America, Canada e Sud America. Si sono fatti avanti ascoltatori in latino Australiani e Sud Africani, di Abu Dhabi, delle isole del Mar dei Caraibi, Georgia, Israele, Indonesia, Giappone, Cina, Hong Kong, Thailandia, Vietnam.

Il Canale YLE ha sempre sostenuto che il numero di appassionati di latino sia basso, ma il calore e l’affetto che queste persone hanno dimostrato in questa occasione è stato inaspettato. Con un articolo in latino intitolato Finis transmissioni Latinae imminebat il professor Tuomo Pekkanen ha comunicato, invece, che l’intervento degli appassionati di lingua latina farà proseguire il programma almeno per il 2018.

Con un comunicato stampa del sito YLE il direttore del contenuto creativo di Ylen, Ville Vilén, porta a conoscenza degli appassionati che  i redattori della trasmissione, che sono il docente Reijo Pitkäranta, il professor Tuomo Pekkanen e Virpi Seppälä-Pekkanen, sono pronti a proseguire il programma. L’obiettivo potrebbe addirittura essere quello di portare il programma a compiere i suoi 30 anni prima dell’eventuale cessazione.

Di seguito il comunicato in latino “Finis transmissioni Latinae imminebat ” del professor Tuomo Pekkanen.

Finis transmissioni Latinae imminebat

Mense Novembri (23.11.) redactoribus Latinis inopinanter dictum est nuntios Latinos novo anno (2018) a Radiophonia Finnica iam non divulgatum iri. Cum finis nuntiorum imminens brevi tempore notuisset, fautores nuntiorum in interreti sponte sua petitionem posuerunt (adressit.com): “Appellate, ut nuntii Latini continuentur.”
Tria milia trecenti tredecim (3313) homines, ex quinquaginta terris oriundi, illi petitioni subscripserunt. Sunt inter illas triginta tres terrae Europaeae et septendecim ex aliis mundi partibus. Permulti subscriptores sunt ex Civitatibus Unitis Americae Septentrionalis (USA), multi etiam ex Canada et America Australi.
Auscultatores Nuntii Latini habent etiam in Australia et in Re publica Africae Australis, singulos praeterea in Abu Dhabi, insulis Caribicis, Georgia, Israele, Indonesia, Iaponia, Sinis (Hong Kong), Thailandia, Vietnam. Cum ita apparuisset Nuntios Latinos esse vinculum, quod latinistas totius orbis coniunxerit, fieri non potuit, quin consilium nuntios finiendi revocaretur.
Itaque Nuntii Latini anno bis millesimo duodevicesimo (2018) continuabuntur et sicut ante, tam radiophonice quam interretialiter septimanatim divulgabuntur. Restat, ut auscultatoribus in omnibus orbis terrarum partibus viventibus pro eorum fidelitate et subsidio gratias quam maximas agamus et novum annum faustum et Latinissimum exoptemus.

Quindi riprendiamo in mano il vocabolario di latino: Nuntii Latini è ancora in pista. Come bonus, di seguito l’articolo in latino sulla decisione dell’UNESCO di far diventare il pizzaiolo Napoletano patrimonio dell’umanità.

Pizza magni aestimatur

UNESCO sive Ordo educationis, scientiae, culturae Nationum Unitarum constituit, ut esca Italiana a Neapoli oriunda, quae ’pizza Napolitana’ vulgo dicitur, pro patrimonio mundi haberetur. Id ideo factum esse, quod in illo cibo praeparando de arte pistoria antiquitus tradita ageretur, quae ad populum uniendum conferret eumque cum pristinis generationibus coniungeret.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 2 =